lunedì 19 novembre 2007

Libertà è partecipazione

La libertà

Giorgio Gaber

(1972)

Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Vorrei essere libero come un uomo.

Come un uomo appena nato che ha di fronte solamente la natura
e cammina dentro un bosco con la gioia di inseguire un’avventura,
sempre libero e vitale, fa l’amore come fosse un animale,
incosciente come un uomo compiaciuto della propria libertà.

La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.

Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come un uomo che ha bisogno di spaziare con la propria fantasia
e che trova questo spazio solamente nella sua democrazia,
che ha il diritto di votare e che passa la sua vita a delegare
e nel farsi comandare ha trovato la sua nuova libertà.

La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche avere un’opinione,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.

La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.

Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come l’uomo più evoluto che si innalza con la propria intelligenza
e che sfida la natura con la forza incontrastata della scienza,
con addosso l’entusiasmo di spaziare senza limiti nel cosmo
e convinto che la forza del pensiero sia la sola libertà.

La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche un gesto o un’invenzione,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.

La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.

Da "Dialogo tra un impegnato e un non so"

8 commenti:

saro patanè ha detto...

La Libertà è trasformare il mondo che ci circonda,quando questo ha sopraffatto l'Uomo.
la Libertà è essere in pace con il proprio cuore e con quello degli altri,perchè si è fatto fino all'ultimo il prorio dovere.
Senza tirare le somme.
LUNGA VITA AL BLOGO DI LIBERCITTADINANZA ACESE !
Saropat

saro patanè ha detto...

Coraggio,può ricominciare un'altra....più "megliogioventù"!!

Alessio ha detto...

Non ho parole.
Per me questa canzone già mi fa sentire dei vostri.
Ale

www.lbunder40.ilcannocchiale.it

Alessio ha detto...

Alessandro (non Alessio) eh eh he
ciao da LBU40

Spike ha detto...

Ciao sono Bimbo di LBU40,
io Gaber non lo conosco nella totalità della sua opera, e questa è una delle canzoni che mi mancava...mi ha stupito l'indiscussa attualità del testo,e credo che bene o male rispecchi gran parte del credo politico di noi che ci troviamo nella situazione di voler partecipare per risollevare le sorti di questo paese!
mi sono abbonato al vostro blog,cosi da poter ricevere gli aggiornamenti direttamente in barra :)
se avete voglia veniteci a trovare al link che vi ha postato "alessio"!
buon lavoro!

Citto ha detto...

libertà è riprenderci i diritti che l'oligarchia della 'casta' ci ha confiscato,come il diritto di scegliere e di essere scelti.Contro gli inciuci vecchi e nuovi,contro le bicamerali e le crostate,per una politica nuova davvero,in prima persona e senza deleghe in bianco per nessuno.Una nuova classe dirigente è già dietro la porta:ma stavolta non suonerà educatamente,e come al solito inascoltata,il campanello.Stavolta,potete giurarci,la butterà giù a spallate.

Citto ha detto...

libertà è riprenderci i diritti che l'oligarchia della 'casta' ci ha confiscato,come il diritto di scegliere e di essere scelti.Contro gli inciuci vecchi e nuovi,contro le bicamerali e le crostate,per una politica nuova davvero,in prima persona e senza deleghe in bianco per nessuno.Una nuova classe dirigente è già dietro la porta:ma stavolta non suonerà educatamente,e come al solito inascoltata,il campanello.Stavolta,potete giurarci,la butterà giù a spallate.

enzo dato ha detto...

Libertà è dare a tutti la stessa possibilità di esprimere il proprio pensiero, come fa Il Megafono.
Enzo Dato